Il fungo porcino

Non tutti sanno che … il porcino è un fungo nostro

I funghi che presentano un corpo fruttifero ben evidente e che interessano la maggior parte dei raccoglitori , vanno a posizionarsi strettamente con molti degli alberi e arbusti appartenenti sia alle latifoglie che alle aghifoglie. Di conseguenza per conoscere le specie dei fungine è necessaria una conoscenza delle specie arboree (abeti , pini , larici , querce,roverelle ,ecc..).

Alla luce di questo, vorrei soffermarmi su quello che è il genere Boletus e, in particolare sui boleti volgarmente noti come “porcini” . Sono indubbiamente i funghi più ricercati e conosciuti ma non tutti sanno che sono almeno quattro le specie , con caratteristiche , habitat e valore gastronomico diverso.

Noi del Gruppo Micologico abbiamo pensato di fornire il valore gastronomico di questo stupendo fungo ai turisti e alla gente locale ma, gli animatori continuano a stupirsi sulle condizioni di crescita di tale fungo.

Il porcino nero (Boletus aereus) è la specie più xerofila e termofila (amante dei luoghi caldi e asciutti) tra i porcini. Cresce in ambienti caldi , ma solo dopo abbondanti piogge calde o dopo classici temporali estivi. Fruttifica dal mese di giugno , ma il suo periodo più tipico è il mese di settembre-ottobre per le regioni meridionali. Si trova presso ogni tipo di quercia , presso essenze della macchia mediterranea come cisti e corbezzoli , presso il castagno e, più raramente,presso il faggio.

Il porcino dal reticolo o porcino estivo (Boletus aetivalis), è il più precoce dei porcini. Si può trovare, infatti, negli ambienti caldi o particolarmente esposti , già dal mese di aprile ma il suo periodo di fruttificazione più tipico va dal mese di giugno a quello di settembre (periodo estivo). Cresce presso latifoglie, castagni, quercie e faggi in particolare. E’ molto diffuso in tutta Italia, isole comprese.

Il porcino bruno , invece,o porcino autunnale (Boletus edulis) inizia a fruttificare dal mese di luglio e resiste fino alle prime gelate e nevicate. Le sue piante preferite sono gli abeti,i pini,i faggi,i castagni e i carpini.

Infine il porcino rosso (Boletus pinophilus). Anche questo porcino ama i climi temperato-umidi o anche relativamente freschi. Ha però due periodi distinti di crescita : maggio-giugno e settembre-ottobre. Cresce presso conifere,pini e abeti, e anche latifoglie, faggi in particolare o castagni.
Dopo aver analizzato gli aspetti morfologici,’habitat e il periodo di crescita per ciascuna specie di porcino , concluderei dicendo che il porcino può crescere abbondantemente nei nostri boschi , solo se le condizioni atmosferiche permettono le pioggie abbondanti nei mesi estivi , vale a dire giugno,luglio e agosto.

Il Presidente
Pino Leone